mercoledì 11 marzo 2015

Scendere dal treno


a intervalli regolari.
Fermare la corsa e stare a guardare.
Forse ch'io improvvisamente non abbia più niente da dire?
Mentre aspetto le parole le mani continuano a raccontare
abbracci

3 commenti:

  1. C'è chi dal treno scende e lo guarda passare, ma solo se non ha niente di meglio da guardare.
    E chi ci resta sopra, anche se non capisce più dove porti quel viaggio, perchè non sa o non riesce.
    Tu sei sempre stata misurata per quantità e soprattutto per qualità; se scendi hai i tuoi motivi, e noi ti aspettiamo tenendoti comunque nel cuore.

    RispondiElimina
  2. Le mani sanno quel che il cuore sa ma non riesce a trasformare in parole! A volte basta solo questo. Perché è già tanto!!! Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  3. Ed io, sul tuo treno, salgo e scendo insieme a te!
    Ti stringo in un dolce abbraccio
    Monica

    RispondiElimina