lunedì 21 ottobre 2013

Il pastore che non fumava prese un sacco e rovesciò sul tavolo un mucchio di ghiande.



 Dopo il pranzo di mezzogiorno ricominciò a scegliere le ghiande.

 Da tre anni piantava alberi in quella solitudine. Ne aveva piantati centomila.


Di centomila, ne erano spuntati ventimila. 
Di quei ventimila, contava di perderne ancora la metà, a causa dei roditori 
o di tutto quel che c’è di imprevedibile nei disegni della Provvidenza.


Restavano diecimila querce che sarebbero cresciute in quel posto 
dove prima non c’era nulla.
 da L'Uomo che piantava gli alberi di  J. Giono



Non querce, ma pini e carrubi (per adesso)
Non centomila... 150 pini e 25 carrubi (fino ad ora),

49 pini e 3 robinie sopravvissute 
17 carrubbi e 3 melograni spuntati

"solo" tre ettari a disposizione... per il momento :)

buona settimana

10 commenti:

  1. Mi ha fatto venire in mente un amico che ne fa di queste cose e pianta alberi dove ne sono stati incendiati.

    RispondiElimina
  2. Stupendo!!

    P.S. - Ho sempre amato quella storia!

    P.S.2 - Mi viene in mente il "piantare alberi" come atto artistico-politico, per esempio le 7000 querce di Beuys: http://www.francescomorante.it/pag_3/317aa.htm

    RispondiElimina
  3. "L'uomo che piantava gli alberi" è una storia bellissima, di pazienza, amore, costanza, forza, semplicità, ideali, natura e miracoli.
    E' anche realistica, e mi fa pensare a quanto la poesia possa essere vera.
    Che belle piante hai scelto! Belle, profumate e buone! :)

    RispondiElimina
  4. Senza pazienza e amore nulla nasce e tantomeno cresce.

    RispondiElimina
  5. Accipicchia! Chissà che luogo fantastico! Bello questo messaggio di amore e pazienza...

    RispondiElimina
  6. Meraviglia vederli crescere....ma lo sai che non era più tra i tuoi lettori? ecco perchè non mi arrivavano + gli aggiornamenti...mannaggia! Un abbraccio grande grande!

    RispondiElimina
  7. Che belle creature stai allevando...son certa che il tuo amore le farà crescere e fra qualche anno potrai godere del loro fresco abbraccio!
    Per il momento accontentati del mio, ti stringo forte, forte!
    Baci, Monica

    RispondiElimina
  8. Adoro quel piccolo libretto e amo tanto tanto il vostro impegno, adottare e crescere tanti piccoli germogli. E' un gesto di estrema generosità.
    vi abbraccio amici miei

    RispondiElimina
  9. Adoro quel libro, come poteva non piacere anche a te? Sapere che lo metti anche in pratica è nutrimento puro. Noi per ora ci limitiamo a qualche tubero e qualche pianta da frutto, Annina chissà cosa farà germogliare.... hihihi

    RispondiElimina
  10. i carrubi crescono veloci, i pini un po' meno, ma profumeranno tutto intorno in un paio d'anni.
    buon profumo a te e grazie della tua visita. baciuz

    RispondiElimina