martedì 25 giugno 2013

Ricordo...




che di inquinamento si parlava già quand'ero alle elementari.


Pensavo fosse un problema politico mondiale
e non una mia diretta responsabilità.
Ma dopo aver visto diverse puntate de  "La terra vista dal cielo"
ho capito che ogni mia scelta ha le sue ripercussioni.


Si continua a parlarne con sempre maggior consapevolezza,
ma il problema è: cosa faccio per rendere il mio stile di vita più sostenibile?

 Buona estate,
abbracci

10 commenti:

  1. Ho visto anche io quei documentarei (bellissimi).
    Effettivamente c'è di che mettersi le mani nei capelli e sicuramente, nel nostro piccolo, possiamo fare poco, infatti si continuerà a produrre biocarburanti, che non sono affatto bio, deforestando e piantando palme da olio e campi di mais. i paesi emergenti inquineranno sempre più (ma qualcuno sta già accorgendosene, per fortuna!)
    Ma qualcosa si può fare, scegliendo di non comprare prodotti inquinanti, cercando di consumare meno energia, scegliendo la bici anziché l'auto...tante piccole gocce, che fanno il mare.
    Buone vacanze anche a te ;)

    p.s. passo sempre di qua ad ammirare i tuoi lavori, sono bellissimi!!

    RispondiElimina
  2. Domanda interessante e per lo più disarmante perchè, per quanto si creda di compiere qualche passo nella direzione giusta, vi è sempre modo di scoprire che tanti sono sbagliati.
    Come mamma cerco di educare Isabella al consumo più consapevole, spiegandole il perchè delle nostre azioni e quali sono i danni/benefici delle nostre scelte. Per esempio, sin da piccolissima, ha imparato ad aiutarmi nella raccolta differenziata ed ora non ho bisogno di guidarla quando scarta o getta qualcosa...poi, però, quando ci rechiamo nelle zone preposte allo smaltimento, mi chiede il perchè di certi comportamenti scorretti di adulti che, anzichè seguire le regole, ne creano di proprie, vanificando il lavoro di chi correttamente compie la differenziazione ( vedi scatoloni, poggiati a fianco dei raccoglitori, ripieni di ogni materiale, inclusi depositi di ingombranti e quant'altro....!!!!!!). Diciamo che faticosamente provo a seguire la strada migliore, cercando di non sprecare e di consumare in modo responsabile...ma quanto devo ancora imparare!!!! Nina grazie per il link a quei documentari che non ho mai visto e che, quanto prima, cercherò di visionare...magari con la mia figliola accanto! Un abbraccio tenero ad una creatura ricca di sensibilità e bellezza...
    Monica
    P.s....quanto amo le tue casette...

    RispondiElimina
  3. Dimenticavo.....BUONA ESTATE anche a te!!!
    Baciiiiiiiiii
    Monica

    RispondiElimina
  4. io riutilizzo i barattoli dello yougurt di vetro trasformandoli in lanterne che piacciono molto... trasmetto messaggi senza messaggiare, trasformando in bellezza la spazzatura... la mia amica fa cose bellissime con i copertoni e io le acquisto... se sono belle sono belle... se posso cerco di acquistare un pezzo vintage o broc anziché un'imitazione in negozio di un vintage e di un broc... non compro un prodotto solo perché economico se non so come viene prodotto e dove... poi? piccole cose... dove posso... se posso... quando posso...sapendo che posso

    RispondiElimina
  5. Ho la cantina piena di spazzatura da riutilizzare! E in Germania è impossibile non riciclare: ognuno ha il suo bidone e quello per l'indifferenziata è piccolissimo...

    Adoro i nuovi colori che stai usando!

    RispondiElimina
  6. E adesso? Rimango qui con l'acquolina in bocca: come userai quelle spolette da ricamo? MOOOOlto curiosa...Bellissimi colori!
    Paola

    RispondiElimina
  7. Nina, cosa può fare ciascuno di noi?
    Poco , ma anche quel poco può servire.

    Un abbraccio a te

    RispondiElimina
  8. non conoscevo questi filmati, grazie Nina! Quel poco che possiamo fare, impegnarci tutti quanti.

    RispondiElimina
  9. con me sfondi una porta aperta. L'unico canale che vedo è rai5, amo tutti i programmi che ci sono! Mi interrogo spesso su cosa posso fare e le risposte sono tante. Dipende solo da noi. Non è vero che il problema è esterno alla nostra realtà o vita. Il problema siamo noi, con le nostre manie consumistiche, con i nostri sprechi assurdi. Ti consiglio 2 libri: La decrescita felice di Latouche e Consapevolmente Verdi di Stefanie Kaza. Un abbraccio forte
    Angela

    RispondiElimina