lunedì 7 gennaio 2013

Le tre parole più strane


               Quando pronuncio la parola Futuro
                                                                 la prima sillaba va già nel passato.



                                                 Quando pronuncio la parola Silenzio,
                                                                                                lo distruggo.



 
                                                                        Quando pronuncio la parola Niente,
                                                                                        creo qualcosa che non entra in alcun nulla.
 


Wislawa Szymborska

11 commenti:

  1. Mi sono persa i tuoi auguri di Natale, ma questi no... Durante le vacanze ho pensato anche a te... un abbraccio grande!

    RispondiElimina
  2. L'anno nuovo ti trova ispirata!
    baci

    RispondiElimina
  3. Una bellissima opera mixmedia! Hai iniziato alla grande il 2013!!
    Bellalullo

    RispondiElimina
  4. Da meditare!! Tanti auguri!!

    RispondiElimina
  5. Adoro le galline di legno e tu sai trovare una casa per tutti...
    Paola

    RispondiElimina
  6. certo che se questi sono i risultati di chi osserva dalla finestra la vita che scorre dovrei mettermi alla finestra anch'io... ma se sto alla finestra chi crea le Briciole?

    RispondiElimina
  7. Quanta poesia c'è ogni volta nei tuoi post e che bellissimo lavoretto che hai fatto!
    Un abbraccio affettuoso Rosi

    RispondiElimina
  8. Non so se adoro più i tuoi lavori o i testi che scegli. Qui ho qualcosa per te: http://mammabook.blogspot.de/2013/01/buon-anno-cominciamo-con-qualche-premio.html

    RispondiElimina
  9. Una poesia per immagini che mi è familiare, che accompagna le mie giornate e i miei pensieri.
    Un grazie di cuore infinito......e ancora AUGURI! Un bacio"nebbioso"
    Monica

    RispondiElimina
  10. fantastica questa poesia! E la casa delle galline - é una poesia pure quella. <3

    RispondiElimina
  11. Bel Lavoro, i colori che hai usato mi ispirano tanta tenerezza. E che belle parole, non conoscevo la Szymborska...

    Se non ti dispiace, ti pinno nella mia cartella Pinterest dedicata al mixed media.

    alex

    RispondiElimina