venerdì 19 ottobre 2012

La piccola bibliotecaria



uno dei privilegi del mio lavoro è quello di
 incontrare molto spesso professionisti del libro:
autori, illustratori, editori, attori, animatori...


alcuni un po' presuntuosi, la maggior parte simpatici ed appassionati.
Nel 2001 venne a trovarci Bruno Tognolini,
un piccolo tour nelle biblioteche del nuorese, Irgoli la prima tappa.
Dopo qualche mese ricevetti per mail la filastrocca che trovate nella colonna a destra.
Cos'era successo durante l'incontro per meritare questa meraviglia?
Niente di straordinario. Il mio nome faceva rima con tante parole, 
ed in qualche modo ero stata scelta per rappresentare quell'esercito di persone
che ogni giorno lavorano per "diffondere cultura" :) quale onore!


Qualche settimana fa ho ricevuto un'altra mail,
da Giulia Baratella questa volta,
voleva farmi sapere che per esigenze scolastiche aveva illustrato 
la filatrocca con la tecnica 3D! Doppio onore!!!

Le ho dovuto confessare subito che... 
non sono bionda e neanche rotondetta, ma il look è troppo giusto ;)

Questi sono quelli che chiamo i miracoli del web, trovarsi, conoscersi
confrontarsi...

tutte le illustrazioni sul suo blog Majic Life
Grazie Giulia!

13 commenti:

  1. Ciao Nina, mi fa piacere aver conosciuto la storia della filastrocca, ora persino illustrata!E' giusto che tu ti senta onorata, ma devi sentirti onorata anche per il lavoro che fai :o)

    RispondiElimina
  2. Ciao Nina, ma che bello vederti diventare un cartone 3D!!
    Non sarai bionda, ma la piccola bibliotecaria somiglia a Nina da bambina, non trovi??
    Un abbraccio
    loredana

    RispondiElimina
  3. Come mi dispiacque quando decidesti di eliminare la filastrocca a te dedicata....all'inizio questo scritto era il viatico con la tua persona, l'unica traccia lasciata da chi ti aveva conosciuta. Indizi con i quali avevo dipinto il mio personalissimo ritratto e attraverso esso riuscivo a pensarti meglio...La tua modestia è pura bellezza, chi ti avvicina non può che rimanerne colpito e pazienza se le illustrazioni di questa bravissima artista ti ritraggono bionda e paffuta, sono un omaggio perfetto al tuo candore e alla tua poesia, anche se sei mora e magrolina! Con un pizzico d'invidia...ti bacio e ti stringo, Monica.

    RispondiElimina
  4. eheheheheh! che idea carina!!
    cristina

    RispondiElimina
  5. io invece cara Nina... ci credo alla filastrocca e spero che in ogni biblioteca ci sia una piccola-grande Nina ad accogliere noi e i nostri bambini!!
    un bacio forte
    Clod

    RispondiElimina
  6. carinoooo ... anche io voglio disegnare Nina :) un abbraccio frà

    RispondiElimina
  7. E ma che emozione ragazzi!!!! Complimenti Nina!

    RispondiElimina
  8. Sei una persona speciale e ti sei meritata tutto quanto!! Le illustrazioni sono davvero dolcissime!

    RispondiElimina
  9. Ti ringrazio infinitamente per il bel post... è davvero un'onore per me vedermi pubblicata qui ^_^ e grazie a tutti per i bei commenti!

    RispondiElimina
  10. No, non ci posso credere: coincidenze, ha ragione Giulia. Bislacca, la mia. Tognolini per ben due volte ha sfiorato la mia vita con le sue filastrocche. E non mi è difficile immaginare che possa essere stato colpito da te!
    Ciao Nina, che con i libri fa i mazzi di fiori
    Buonanotte!
    Paola

    P.S.: che bel lavoro che fai, ti invidio un po'...

    RispondiElimina
  11. tutte le bibliotecarie dovrebbero chiamarsi Nina...❤

    RispondiElimina
  12. carissima Nina, direi che la polverina di cento racconti ... non vola via ma si posa sulle tue mani perché creino MAGIA (anche fuori dalla biblioteca)!!!
    Complimenti a Bruno Tognolini, a Giulia Baratella e a TE che, con l'occasione di questo post, ti dico che vieni citata nel mio, proprio per dirti GRAZIE!!!!!
    Un forte abbraccio =)

    RispondiElimina