mercoledì 21 marzo 2012

Abbracciando l'amore


 "Se avessimo un cappello capace di proiettare i vostri pensieri a chiunque si trovi nel raggio di cento metri, chi di voi vorrebbe essere il primo a offrirsi volontario per indossare quel cappello?


 Non si fa mai avanti nessuno. 
Fino a quando continueremo a rifiutarci di indossare il cappello della verità?


 Fino a quando sopporteremo di sentirci così insicuri 
solo per far durare l'illusione della sicurezza?


 E chiediamo a ciascuno di voi, il più gentilmente possibile, 
cosa impedisce a voi di indossare quel cappello?

                                                                                    
 Quanta parte delle nostre vite pensiamo di dover mantenere 
sommersa per poter restare vivi?"

 

dal libro "Abbracciando l'amore" di Stephen e Ondrea Levine


se siete interessate a Pasqualina tralalà la trovate nel mio shop


con questo lavoro partecipo al LINKY PARTY
organizzato da Topogina


C'e' crisi!


 

23 commenti:

  1. che bella....tu fai bene a non nascondere le tue proiezioni!!!!incantano!^_____^
    Niki

    RispondiElimina
  2. Sai una cosa Nina?...io quel cappello lo indosso sempre, tanto che qualcuno mi dice di non essere sempre così sincera...la verità fa paura a chi la pensa , ma ancor di più a chi non vuole ascoltarla.

    Pasqualina tralalà è un incanto.

    un abbraccio
    loredana

    RispondiElimina
  3. a dire la verità non mi sono mai piaciuti i cappelli... questa volta di cosa sono fatti gli uccellini? un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. segretoooo... secondo te? ;)

      Elimina
    2. Carta pesta? Feltro? Impasto di sabbia e paglia? Impasto di carta pesta e sabbia? Legno, carta pesta e pasta modellabile? Pasta di legno e fibre naturali? Farina, sabbia e lana? Continuo?????? Non dire che non ci ho provato ihihih.........

      Elimina
    3. Ah.....dimenticavo......la luffa che ti ha regalato Giuliedda???!!!!???

      Elimina
    4. ihihihih... acqua acqua :)

      Elimina
    5. Allora.....stoffa su legno? Pizzo colorato (su legno)?Spugna abrasiva (su legno)? Stoffa bagnata nel gesso (su legno)? O sbaglio perchè non è su legno, ma su cartone o su metallo.......ti prendo per sfinimento ;)))

      Elimina
    6. uuuu la luffaaaa!! Ma adesso la pianto, che sbadata!

      Elimina
    7. Panno Spugna vecchio fa buon... uccellino! Quello che uso per pulire il vetro della stufa a legna, ne ho ritagliato solo un rettangolino piccolo, perciò lo userò ancora, era l'unico in casa del colore giusto!!! Vi abbracio tutte Bimbine care

      Elimina
    8. Beh...ci ero andata vicina, fra le tante opzioni avevo scritto "spugna abrasiva".......adoro la tua fantasia, la tua creatività e la capacità di utilizzare qualunque cosa, piegandola al tuo bisogno....BRAVA!! Ti stringo anch'io.....

      Elimina
  4. Io mi offro volontaria per indossare il capello.
    Sono stanca di tutte le bugie che mi circondano e sono disposta a dare l'esempio per un mondo più vero.
    Rischio grosso ma qualcuno dovrà pur sacrificarsi!

    I tuoi lavori sono sempre più belli!

    RispondiElimina
  5. Ciao Nina,
    Io lo indosso di continuo quel cappello, anche se non sempre la sincerita' e' un pregio e qualcuno lo definisce addirittura
    un difetto a tutti gli effetti.

    Mi segno il titolo del libro, grazie.

    Complimenti per Pasqualina!!!Ma che te lo dico a fare?

    RispondiElimina
  6. Ogni volta che approdo a questi lidi mi coglie l'irrefrenabile voglia di abbracciarti............adoro Pasqualina e voglio bene a Te! Ti auguro la pìù profumata e luminosa delle primavere! Bacio Monica
    P.S....riguardo al post precedente.......vuoi farci "morire" d'invidia"? (Ehhhehehehhh.....beata te!!!!!!!!!!!!!)

    RispondiElimina
  7. per rispondere a tutte: io non potrei mai indossare quel cappello, almeno non per adesso. So che potrei fare molto male con la "mia" verità, condizionata da troppe, stupide, superficiali valutazioni. La strada da fare è così tanta...

    adoro parlare con voi, so che siete quel tipo di persone che non comprerebbero mai una colomba rinsecchita avvolta nella plastica da regalare a Pasqua... ops, ho messo il cappello!

    Un caro abbraccio

    RispondiElimina
  8. Per restare bisognerebbe guardarsi oltre la faccia......per quanto mi riguarda ho già abbastanza problemi senza.
    Inutile dire quanto mi piace il tuo essere Nina.
    Un baciotto e complimenti per Pasqualina.
    Ciao cara.

    RispondiElimina
  9. Scusa, nella foga ho dimenticato di scrivere "vivi" dopo la parola restare.....sono la solita.
    baciotto

    RispondiElimina
  10. Se ora indossassi il cappello probabilmente ne uscirebbero pensieri troppo confusi, bisogna anche saperli comunicare i pensieri o no?
    ti sbaciucchio Ninina

    RispondiElimina
  11. queste casine mi incantano, la tua è una capacità sopraffina, e la poesia è pienamente nelle tue corde! un'abbraccio infinito cone i tuoi azzurri... kiss S.

    RispondiElimina
  12. ma dai...ho giusto in bozza una casetta per uccellini, la mia è fatta con i cartoni del latte, spero passerai a vederla

    RispondiElimina
  13. La casetta è meravigliosa e minimalista come piace a me e... Per il cappello io voglio provare :-))))

    RispondiElimina
  14. Ciao nina sono approdata al tuo blog grazie il linky party di Topogina...mi piace molto Pasqualina e in generale lo stile del tuo blog (che adesso mi andrò a guardare con calma) Ciao :D

    RispondiElimina