lunedì 17 gennaio 2011

Finestra o tableau?


Una finestra, una zanzariera rotta, una sedia sfondata.
Abbandonate vicino a una chiesetta, in un punto dove il traffico scorre veloce.
Ero in macchina, guidavo, ho avuto la visione, ma un'attimo dopo ero già oltre...
però quella finestrella bianca era proprio carina...


Qualche giorno dopo, solita passeggiata, a piedi questa volta...
avevo completamente dimenticato la presenza di quegli oggetti abbandonati,
ma loro erano ancora lì,
il tempo di guardarci in faccia e avvicinare l'auto...

(cuore realizzato da Cristina Sperotto, l'ho ricevuto con l'acquisto del suo cd)

Ma che farne?


Per prima cosa: doccia in cortile con un po' di detergente,
sostituzione dei vetri rotti,
rimozione delle scaglie di vernice.

Pronta per essere appesa!

(realizzato dalla dolce Monica Fe)

Raccoglierà i nostri stati d'animo


le parole che ci accompagnano di volta in volta,
i decori che ci rappresentano

13 commenti:

  1. Molto molto delicata,
    molto shabby chic,
    intensamente Piccies decorations.
    Un bacio e buona settimana

    RispondiElimina
  2. cosa dire...dalle stalle alle stelle!! E' bellissima!! BAci! Vale

    RispondiElimina
  3. Nina cara, sei dotata di una straordinaria fantasia poetica.
    La finestra che racconta e augura cose belle è straordinariamente luminosa.
    Con ammirazione infinita
    Cristina

    RispondiElimina
  4. Ma.... son senza parole!!!!!
    E tu l'hai anche lasciata li???
    Ma non sai che la prima regola del cassonett-hunter è: inchiodare!!! caricare!!! ripartire!!!, che se solo vai alla rotonda per tornare indietro, l'oggetto dei tuoi sogni sarà irrecuperabilemnte sparito!
    Bellissimo recupero, splendido, ardito inserimento: complimenti!

    RispondiElimina
  5. mi piace sempre cio' che crei nina....anche io ho fatto il cuore i cristina

    RispondiElimina
  6. Beh questa volta rimango a bocca aperta...fortunata per aver trovato un pezzo così particolare...ma ancora più brava nell'essere riuscita a ridargli un'anima!
    Bella da vedere...ma soprattutto ricca di significato! Anche io voglio la mia finestrella degli "stati d'animo"!!!!

    RispondiElimina
  7. Oh Nina, cara Nina....hai reso ad un oggetto anonimo, dignità e bellezza, dotandolo anche di un'anima poetica e toccante! Scoprire poi, di esser presente nella tua quotidianità, mi emoziona moltissimo! Grazie amica cara, grazie!! Ti bacio e ti stringo forte......Monica Fe

    RispondiElimina
  8. Hai fatto bene a raccogliere sta meraviglia!! Io trovo solo televisioni!!!Bella la nuova identità che gli hai dato,brava! Bacio Lulù

    RispondiElimina
  9. Ciao Nina :-)
    (non ti preoccupare ...io ho la connessione a singhiozzo !!)
    E' bello creare e dare anima e vita a cose che per gli altri sono inutili ,
    hai fatto un lavoro eccezionale !!
    kisss mary

    RispondiElimina
  10. mentre Matteo dorme sbircio i blog che amo ... ma che delizia mia cara, questo lavoro è meraviglioso

    io sono alle prese con l'opera più bella e più difficile su cui abbia mai lavorato

    un abbraccio, frà

    RispondiElimina
  11. Ogni volta che vedo un oggetto abbandonato, o una casa, penso alla sua vita passata e alle persone alle quali apparteneva.Mi piace tanto fantasticare. E stavolta penso al vapore sui vetri, delle minestre che d'inverno qualcuno ha preparato lì dentro, penso ad una piantina sul davanzale, alle tende bianche ricamate, a un bimbo in braccio alla mamma che da lì dietro saluta qualcuno, a una ragazza che si affaccia per dire al suo amore che sta scendendo, a una signora anziana che guarda fuori e sa che il meglio è già passato. Alle luci e ai suoni di una festa...o al buio e al silenzio della solitudine. E l'idea che questa finestra sia stata accolta a casa di qualcuno e continui a vivere mi rende felice! :) Ciao!

    RispondiElimina
  12. è meravigliosa! ho trovato il tuo blog tramite il post di verdesalvia, hai una fantasia fantastica!
    chiara

    RispondiElimina
  13. Ciao, sono Sabrina grazie per essere venuta a trovarmi, perché così facendo ho avuto modo di scoprire il tuo blog!
    Molto poetico, sembra sospeso tra un respiro e l'altro, ti verro' a trovare spesso per entrare in questa dimensione ...
    Ciao alla prossima

    RispondiElimina