martedì 17 agosto 2010

Il brutto anatroccolo era un cigno!












17 commenti:

  1. complimenti, è diventato davvero carinissimo, basta avere tanta fantasia che diventa tutto magico!

    RispondiElimina
  2. Bellissimo lifting !!!
    sono sempre daccordo a ridare vita a cose che già son belle , ma con un tocco in più !:-))

    RispondiElimina
  3. che bel posticino.... il restauro è venuto perfetto!!!!!!!!!!!!
    Ci starebbe bene un piccolo laboratorio.... per manufatti!!!!
    Ci potrei passare delle giornate intere.....a sognare e creare!!!!!

    RispondiElimina
  4. sono ancora a bocca aperta....

    RispondiElimina
  5. una volta paola di perlineebottoni mi disse che secondo me ungaretti era prolisso.
    secondo te era logorroico.
    complimenti per il restauro e per i restauratori.

    RispondiElimina
  6. Mati hai perfettamente ragione, non mi piace tanto raccontarmi, se non attraverso le immagini :) il silenzio comunque fa parte di questo angolino, appena interrotto ogni tanto dallo scampanellio di mucche o pecore... In realtà lo uso già da laboratorio, ma all'esterno, davanti alla finestra, prendo il sole e taglio, coloro, assemblo... chissà che un giorno non diventi anche qualcos'altro ;) Nei prossimi giorni vi mostrerò qualche particolare dell'interno. Ssssssst

    RispondiElimina
  7. Ma...ma...è splendido Nina!!!! Uhhh avessi un laboratorio così che spettacolo!!! Curiosissima di vedere l'interno!!
    Un bacione e a presto!
    Maria Sole

    RispondiElimina
  8. Nina carissima.....bellissimo il tuo posticino, sapevo del tuo laboratorio all'aria aperta ( già ce lo facesti conoscere), ma guardare ora ciò che stava alle tue spalle, fa comprendere molte cose della Nina che ho imparato a conoscere attraverso i lavori e le parole.....una semplicità che scaturisce da un'autentica ricchezza:l'armonia della natura. Complimenti per la capacità che hai (avete?) avuto di inserirti in essa, con tanta leggerezza....pare che un riflesso del mare , sia giunto sin lì.....chissà.....magari un giorno mi accompagnerai nei dintorni per raccontarmi delle essenze che crescono rigogliose! Ti bacio Monica

    RispondiElimina
  9. Non ci posso credere! Sembrano due posti completamente diversi! Hai creato un piccolo angolo di paradiso!

    RispondiElimina
  10. La stanza è stata costruita da nonno alla fine degli anni sessanta. Presidiava un terreno sassoso infestato da rovi e fichi d'india, casa per i cinghiali. Bonificato con il sudore e la fatica, come solo i nostri avi e gli extracomunitari hanno saputo e sanno fare, aveva impiantato una vigna, messo a dimora alberi da frutto, mandorli. Rimane la sua presenza, che sentiamo molto forte, ci voleva bene... Un bacio

    RispondiElimina
  11. Ciao Nina!Ma che meraviglia! Sono a bocca aperta!!! Hai un gran dono...quello di trasformare le cose secondo la bellezza che hai dentro!Che bello!Bravissima
    un bacio
    Giada

    RispondiElimina
  12. un piccolo premio creativo ...vai sul mio blog, un bacio
    frà

    RispondiElimina
  13. Hai proprio ragione Nina, spesso dovremmo fare silenzio e ascoltare le dolci parole della Natura. Nelle tue immagini vedo frammenti indelebili della nostra Terra. Mi hai fatto sentire a casa.
    Baci carissimi

    RispondiElimina
  14. Decisamente!!!!!!
    Magnifica! Ora gli interni!!!! Pieni di Pippi colorate e festanti?
    Un bacione schioccante, Cathy

    RispondiElimina
  15. La Casetta è Deliziosa!!!!!!!! Un po' Fiaba e un po' Poesia. Complimenti :-)

    RispondiElimina
  16. Ora che l'ho vista dal vero, la confronto al rudere e dico che è sorprendente e che siete stati bravissimiiiiiiii!!

    ... e come direbbo lo zio: lo dicevo io che bastava poco per sistemarla! uahuahuah :-))))))))

    RispondiElimina